Logistic & Freight

CONDIZIONI INCOTERMS



CIP (Carriage and Insurance Paid)

Il venditore ha gli stessi oneri di cui al termine CPT, ma in più, il venditore deve effettuare anche l’assicurazione per coprire il rischio di perdita o danneggiamento della merce durante il trasporto. Il venditore stende il contratto e paga il premio assicurativo. L’acquirente deve prendere nota che nel caso di CIP il venditore è tenuto ad ottenere il premio assicurativo per una copertura minima. Il termine CIP comporta l’obbligo del venditore di sdoganamento della merce per l’esportazione. Questo termine può essere utilizzato per tutte le modalità di trasporto, anche per il trasporto multimodale

DAT (Delivered at Terminal)

Il venditore consegna e scarica dal mezzo di trasporto al terminale (dal porto o dal posto) concordato con l’acquirente. Il terminale equivale a qualsiasi posto, come: banchina; deposito; strada; terminale cargo; terminale CFR. Il venditore copre tutti i costi per la consegna e lo scarico delle merci al terminale stabilito. Si consiglia che la nozione di Terminale sia molto ben precisata. DAT copre le formalità di sdoganamento all’esportazione ma NON comprende il costo delle formalità di sdoganamento all’importazione.

DAP (Delivered at Place)

Il venditore consegna le merci sui mezzi di trasporto adatti nel posto concordato insieme all’acquirente. Il venditore copre tutti i costi per la consegna e lo scarico delle merci al terminale stabilito. Si consiglia che la nozione di Terminale sia molto ben precisata. Qualora il venditore dovesse sopportare i costi attinenti allo scarico dei beni alla destinazione, questo NON ha il diritto di fatturare di nuovo tali costi a carico dell’acquirente. Si consiglia che la nozione di POSTO sia molto ben precisata. DAP copre le formalità di sdoganamento all’esportazione ma NON comprende il costo delle formalità di sdoganamento all’importazione.

DDP (Delivered Duty Paid)

Il venditore adempie il suo onere di consegna nel momento in cui la merce è stata messa a disposizione dell’acquirente, nel posto concordato del Paese importatore. Il venditore deve sopportare tutte le spese e i rischi attinenti alla consegna della merce in tale posto, comprese le tasse doganali, altre tasse e spese ufficiali che vengono pagate all’importazione, nonché i costi e i rischi di adempimento delle formalità doganali. Questo termine può essere utilizzato indipendentemente dalla modalità di trasporto.

FAS (Free Alongside Ship)

Il venditore adempie il suo onere di consegna nel momento in cui la merce è stata sistemata lungo la nave, sulla banchina oppure su rimorchiatori, barconi o sulla chiatta, nel porto di carico concordato. Questo significa che tutti i costi e i rischi di perdita o danneggiamento della merce sono a carico dell’acquirente, a partire da quel momento. Il termine FAS comporta l’obbligo dell’acquirente di sdoganamento della merce per l’esportazione e non deve essere utilizzata nel caso in cui l’acquirente non può adempiere direttamente o indirettamente le formalità di esportazione. Questo termine può essere utilizzato soltanto per il trasporto marittimo oppure sulle acque interne.

FOB (Free On Board)

Il venditore adempie il suo obbligo di consegna nel momento in cui la merce ha superato le balaustre della nave, nel porto concordato. I costi e i rischi di perdita o danneggiamento della merce sono a carico dell’acquirente, a partire da quel momento. Il termine FOB comporta l’obbligo del venditore di sdoganamento della merce per l’esportazione. Questo termine può essere utilizzato soltanto per il trasporto marittimo oppure sulle acque interne. Qualora la balaustra della nave non sia rilevante, come nel caso del traffico roll-on/roll-off o a container, sarebbe più adatto utilizzare il termine FCA.

CFR (Cost & Freight)

Il venditore deve pagare la nave e i costi necessari per portare la merce nel porto di destinazione concordato, però il rischio di perdita o danneggiamento della merce ed ogni costo aggiuntivo causato da eventi che sono avvenuti dopo la consegna della merce a bordo della nave viene trasferito dal venditore a carico del acquirente nel momento in cui la merce supera le balaustre della nave nel porto di carico. Il termine C.F.R. comporta l’obbligo del venditore di sdoganamento della merce per l’esportazione. Qualora la balaustra della nave non sia rilevante, come nel caso del traffico roll-on/roll-off o a container, sarebbe più adatto utilizzare il termine CPT.

CIF (Cost, Insurance and Freight)

Il venditore ha gli stessi oneri come nel caso del termine CFR però in più, esso deve effettuare l’assicurazione marittima che copri il rischio dell’acquirente di perdita o danneggiamento della merce durante il trasporto marittimo. Il venditore stende e paga i contratti assicurativi e il premio assicurativo. L’acquirente prende nota che nel caso del termine CIF, il venditore è tenuto ad ottenere l’assicurazione per una copertura minima. Il termine CIF comporta l’obbligo del venditore di sdoganamento della merce per l’esportazione. Qualora la balaustra della nave non sia rilevante, come nel caso del traffico roll-on/roll-off o a container, sarebbe più adatto utilizzare il termine CIP.

HAI BISOGNO DI ASSISTENZA?

0374 038 038


PHONES

Piatra Neamt +4 0233 282 245
Bucuresti        +4 021 795 7784
Bacau              +4 0234 533 496
Sibiu                +4 0269 708 800
Constanta       +4 0241 482 245

SUPORT         +40 374 038 038

 

SOLICITA COTATIE